mercoledì 21 novembre 2007

NAPOLITANO... NON SEI IL MIO PRESIDENTE !


Napolitano:"Rom non sono il male"
Immigrazione, "Modificare la legge"
"Si è sentito dire, non soltanto dei rom ma dei romeni, che sono il male di cui avere paura. Ma non bisogna avere paura, bisogna farli integrare nel rispetto della legge e far avere loro la cittadinanza". Lo ha dichiarato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Il Capo dello Stato ha poi aggiunto:"Bisogna modificare una legge troppo restrittiva, bisogna aprire canali nuovi di accesso per tanti ragazzi e tanti giovani".
La legge va sempre rispettata con fermezza per "evitare che in Italia dilaghi la violenza, specialmente se impunita", ma questo non significa avallare una vera e propria "caccia alle streghe" nei confronti degli immigrati e, in particolare, guardando agli ultimi fatti di cronaca, dei romeni. Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, torna sul tema dell'immigrazione, incontrando gli studenti in occasione del 18mo anniversario della convenzione sui diritti dell'infanzia e rilancia un'idea di Italia rigorosa sulla legge ma anche accogliente con gli immigrati.
E' necessario, secondo il presidente, "evitare che in Italia dilaghi la violenza specie se impunita, far rispettare la legge, ma guai a passare ad atteggiamenti di rifiuto o di indiscriminata accusa". Napolitano pur ribadendo la necessità di un rigoroso rispetto della legge ha messo in guardia dalla tentazione di cedere "ad accuse indiscriminate" verso gli immigrati.
"Guai a non pensare che i figli di immigrati abbiano gli stessi diritti degli altri, degli italiani", ha ammonito il presidente. Ma il ragionamento del capo dello Stato è andato oltre: "I diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione sono di tutti i bambini, senza eccezione alcuna, di tutti i bambini che si trovano sul territorio italiano, comunque siano arrivati in Italia, comunque siano entrati i loro genitori. I loro diritti sono gli stessi dei nati in Italia, dei figli degli italiani". Un monito molto severo che certo non dimentica la cronaca degli ultimi giorni e i tragici fatti di cui sono stati vittime proprio i bambini. Napolitano invita, quindi, "a stare attenti a tanti problemi", ma a non criminalizzare gli immigrati, né una parte di loro, come sono i romeni. "No, non bisogna avere paura, bisogna integrare nel rispetto della legge - conclude il presidente -. Bisogna dare la cittadinanza ai giovani nati in Italia".
CARO COMUNISTA, DOPO PRODI CHE SCRIVE A BARROSO....IL QUALE RISPONDE PER LE RIME AL PINOCCHIO BOLOGNESE.... TI RICORDO CHE MARCO AHMETOVIC...... UN LURIDO ROM, NATO NELLA MIA AMATA PATRIA... ORA FA LO STILISTA.... E AD APPIGNANO 4 FAMIGLIE PIANGONO I LORO FIGLI.... I PELLICCIARDI.... GIOVANNA REGGIANI.... SONO SOLO GLI ULTIMI CASI PIU' ECCLATANTI.... NAPOLITANO NON SEI IL MIO PRESIDENTE ! VERGOGNA ! COME SIAM CADUTI IN BASSO.....
VORREI SAPERE CHI PAGA ANCHE PER I RUMENI, CON LE TASSE... ONESTAMENTE E LAVORANDO PER ARRABBATTARSI AD ARRIVARE ALLA FINE DEL MESE..... SE LA PENSANO COME TE ?
IO I ROM NON LI VOGLIO ! NON LI VOGLIO COME NON LI VUOLE TUTTO UN UNIVERSO CHE SI CHIAMI COMUNISMO !!
SIETE UNA VERGOGNA ! ALTRO CHE DIPLOMAZIA...... I ROM E TUTTI GLI IRREGOLARI VANNO PRESI E PORTATI A CEPPALLORI A CASA MASTELLA E A CASA TUA CARO NAPOLITANO.... VEDIAMO SE SI INTEGRANO MEGLIO.... ?
ROMANAMENTE SALUTO !
MA RITORNIAMO COMPAGNO TAVARISC GIORGIO.... TEMPO AL TEMPO ..... A NOI !!!!!!
ONORE A GIOVANNA REGGIANI !
NAPOLITANO IL 12 NOVEMBRE 2003 ERA L'ANNIVERSARIO DI NASSIRYA.... NEANCHE UN COMMENTO DA PARTE TUA E DEI BUFFONI DEL PALAZZO..... CHIAMA I ROM A DIFENDERE L'AMATA PATRIA !!!!

6 commenti:

laura.f ha detto...

Un anniversario triste passato nel silenzio assoluto dei nostri politici.Napolitano non sei il mio presidente.

Anonimo ha detto...

no proprio non e'neanche il mio di presidente, lui che come comanante in capo delle forze armate, doveva essere una priorita' per lui rendere onore ai caduti di Nassyria,ma erq troppo impegnato a difendere delinquenti.dovrebbe solo vergognarsi,ma da uno come napolitano non ci si puo'aspettare nientedi buono,un'épisodio per tutti,quando era ministro degli esteri nel governo d'alema, firmo un trattato di cooperazione con il governo turco per la lotta alla criminalita' ed il terrorismo, un mese dopo arrivava in ITALIA il criminale terrorista OCALAN detto APO capo del PKK.
Penso che basti questo per dire lei non e'il mio presidente .
Massimo Repossi

Anonimo ha detto...

In Italia ci di dimentica troppo spesso facilmente degli errori/orrori dei partiti che ci hanno portato a questo stato di emergenza. E si perchè l'Talia è in uno grave stato di coma irreversibile.... Il governo Amato con l'allora Ministro degli esteri Giorgio Napolitano accolse a braccia aperte sul suo italiano difendendolo a spada tratta.... ABDULLAH OCALAN....
Quali interessi .... caro Napolitano ti spinsero a fare questo passo...? forse la tua cara amata MADRE RUSSIA ?
NAPOLITANO NON SEI IL MIO PRESIDENTE !
ZEPPELIN

Anonimo ha detto...

Ma nemmeno il mio di presidente... Un uomo che dovrebbe rappresentarci, ma non lo fa. Che schifo. Che siano i rom a prendere le armi contro i loro stessi connazionali, quando alla fine, i nostri Soldati (con la S maiuscola) portano pace...e loro, gli indifesi, gli sparano addosso...
Fra

Anonimo ha detto...

Non è il mio presidente, da quando ha dato il reincarico a Prodi quando il suo governo cadde, contribuendo a mantenere in vita un cadavere putrido.
Destino333

Anonimo ha detto...

NAPOLITANO NON E' IL PRESIDENTE DEGLI ITALIANI !!


WWW.CONTROSCRITTURA.SPLINDER.COM

http://img100.imageshack.us/img100/2962/napolitanononebp0.jpg